mercoledì 6 aprile 2011

Analisi di una mia foto: il lampione a Chioggia

Quando riguardo le mie fotografie, cerco di analizzarle come se fossero di qualcun altro. Questa è una cosa molto complicata perché solitamente tendiamo a dare un'anima alle nostre foto. Un'anima che proviene dai ricordi, dai momenti, dalle emozioni che provavamo quando stavamo fotografando. Invece, se vuoi migliorare in fotografia, quando riguardi una tua foto devi dimenticare il luogo in cui ti trovavi, le persone con cui stavi, le emozioni che stavi provando e anche cancellare tutti i ricordi legati a quel momento. Se hai fotografato una persona amata, devi dimenticare anche di conoscerla.

Non è facile, lo so. Io cerco di farlo ogni volta e mi ritrovo a scartare il 75% delle foto che scatto. Gli do alcune etichette, tipo "va bene per l'album dei ricordi", "cestino della spazzatura", "passabile" o, difficilmente, "perfetta".

A volte, però, ci sono delle fotografie da cui non riesci proprio a distaccarti e che non ti rendono obiettivo. Ecco allora che serve l'aiuto di qualcun altro.

 Mi trovavo a Chioggia, splendida città lagunare vicino Venezia. Questo famoso e bellissimo ponte è davvero interessante da fotografare. Io ho voluto, però, metterci davanti questo lampione, che in quel momento era il mio soggetto. E' accompagnato da un piccione in controluce.

Il palo è messo al centro, ma può andare. Dietro c'è il ponte che ruba un po' la scena. Forse, sarebbe stato meglio sfocare un po' lo sfondo in modo da concentrare l'attenzione sul lampione. Però, in effetti, non riesco a trovare un motivo per scartarla. Per questo, mi piacerebbe ricevere una tua opinione.



Questa foto è molto più equilibrata. E' scattata sempre nella stessa piazza, c'è il lampione, la persona sulla panchina in controluce ed uno splendido panorama. La regola dei terzi è ben applicata. Insomma, questa è una di quelle fotografie che non mi lascia alcun dubbio. Ma l'altra..... bhé, non so proprio decidermi.

10 commenti:

  1. ciao... non ho dimenticato il tuo blog! Passo regolarmente, se non mi faccio sentire e... che non ho granché da dire. So anche che devo ancora rispondere ad una tua domanda (che problemi hai con le foto?). Ecco, ti risponderei ora! 'Sta maledetta luce! O è troppa, ed allora produce ombre troppo evidenti, o è poca ed allora l'immagine risulta scura. In questi giorni ho fatto (come sempre) le mie foto sul terrazzo. Evidentemente la luce primaverile, diversa da quella invernale, crea strani scherzi di "controluce" (cerco poi di schiarire un po' ma le foto risultano sempre o smorte o sovresposte, credo). Un dramma! Per questo le ultime foto che ho fatto a me non piacciono granché, però...
    Vengo al tuo lampione che a me, lì in mezzo, non dispiace. Questo perché crea un accompagnamento parallelo al palazzo sulla destra. La prima cosa che mi è balzata all'occhio è stato proprio lui e non il ponte. La scalinata, inclinata, in salita, verso sinistra, accompagna lo sguardo. Ora dico la mia scemenza quotidiana: questa foto si "legge" da dx verso sx, al contrario di quella che ci proponi sotto. Infine: molto bello il piccione, macchia solitaria. Non so se sono stata chiara, come sai non sono un'esperta e vado "a sensazioni".
    ciao, a presto

    RispondiElimina
  2. In effetti il lampione così al centro della foto distoglie un pò l'attenzione. La domanda che ti sorge spontanea è: qual'è veramente il soggetto in questa foto? L'altra, invece, descrive molto bene una scena e secondo me è perfetta

    RispondiElimina
  3. Grazie ragazze.

    @Fausta, la luce è sempre un bel problema. E la luce di questi periodi è molto complicata e crea tante ombre. Puoi provare a fotografare in balcone, ma al tramonto o la mattina presto. Altrimenti, ho iniziato a spiegare come ovviare qui: http://lafotodiwilly.blogspot.com/2011/04/stile-high-key.html e farò altri discorsi per riuscire ad avere una luce diffusa. La tua analisi della foto, comunque, è ottima.

    @Roberta: confermi la mia sensazione che ci sono molte fonti di distrazione nella prima foto. Grazie :o)

    RispondiElimina
  4. Ogni foto pubblicata è sempre di grande interesse per me! Mi assento un paio di giorni e cosa succede?! Beh due scatti nuovi!

    Che dire, in questo periodo dell'anno tendiamo a fotografare sempre in condizioni di luce "ottimali" per il nostro cervello, "estreme" per le nostre macchine! Le luci troppo nette, con il sole a mezzogiorno, tendono spesso a lasciar poco alla fantasia e riguardando la foto si ha secondo me una perdita di interesse dato da ombre, profili e contorni decisamente troppo netti.

    Una luce così potrebbe esser ottima per esaltare la pietra, l'architettura o i profili netti, ma non dimentichiamo che i colori vengono completamente desaturati e stroncati!

    Mi permetto di azzardare un esempio: un quadro di Van Gogh trascina l'osservatore in un armonia di colori, sfumature e profondità mettendo quasi in secondo piano le taglienti prospettive con i distinti contorni di un quadro cubista.

    Il suggerimento di Willy è davvero ottimo! Attendere il crepuscolo in questo periodo dove la luce è quasi orizzontale e le ombre si allungano all'infinito rende una foto sicuramente più morbida e armonica, soprattutto per i paesaggi naturali e i volti.

    RispondiElimina
  5. Per quanto riguarda le foto pubblicate:

    Nella prima foto è particolare e difficile sicuramente la scelta di inquadrare un soggetto così con uno sfondo che forse attira l'attenzione più del soggetto stesso!
    Spostandosi sulla destra e mantenendo il soggetto nel centro (un bravo fotografo può bypassare la regola dei terzi ^_^) sarebbe stato possibile inquadrare il palo mostrando però la particolarità delle tre lucerne, mantenendo magari il ponte e la scalinata rischiando però di inquadrare altri elementi disturbanti come turisti, bancarelle ecc..
    Secondo me è un buono scatto, un spaccato sereno di una città spesso fin troppo popolata da turisti.

    Per quanto riguarda il secondo scatto che dire.. molto bello con le luci di un tramonto silenzioso e una quasi siluette in primo piano che forse avrei estremizzato sottoesponendo di qualche stop.

    La fotografia è anche l'espressione dello stato d'animo di chi scatta e a prescindere dai vari gusti personali, come sempre approvo l'ottimo lavoro di Willy ;)

    RispondiElimina
  6. Grande Nova. Mi ricordo che avevo scelto questa angolazione perché effettivamente mi piaceva l'effetto della scalinata che quasi avvolge il palo ed il piccione che passeggiava. Però le tue disamine sono sempre molto attente e precise.

    RispondiElimina
  7. Ciao Paolo, grazie per i consigli... sono andata anche a leggere il tuo precedente articolo che per errore avevo "saltato". Ora ho capito qualcosa in più e devo dire che questa tecnica mi piace molto (come la foto di Elena che hai appena postato). Vedo che molti blog di cucina la utilizzano ed hanno sempre catturato la mia attenzione ancor prima che ne aprissi uno io. Questo marchingegno me lo farò tra un paio di mesi; nella futura nuova casa avrò più spazio (anche esterno) per fare un po' di esperimenti con la luce. Un grazie anche a Nova, la cui spiegazione, però, mi è risultata un po' oscura (tranne la parte che riguarda le ombre al tramonto)... l'ho detto che di foto non ci capisco, no?
    Grazie ancora e a presto
    P.S. A prop, ma tu non avevi un progetto? (domande ecc?) Che fine ha fatto?

    RispondiElimina
  8. Ciao Fausta, il progetto delle domande è ancora vivo. Devo solo trovare il tempo di trovarle "personalizzate". Perché mi piacerebbe capire ed illustrare come ogni blogger di cui parlo prepara le sue fotografie, quanto le pensa, ecc.

    Nova diceva due cose: la prima riguarda l'orario e la seconda la posizione da cui ho scattato. Gli orari buoni sono tramonto e alba per fotografare, ma a metà giornata i contrasti tra ombre e luci sono sempre molto marcati. Invece, per quanto riguarda la posizione, certe volte è sufficiente girare intorno al soggetto per riuscire a trovare una foto migliore.

    Quando riuscirò a fotografarlo, farò un articolo sul "set" che ho scostruito a casa e presto parlerò ancora degli sfondi che sono importantissimi.

    RispondiElimina
  9. Ciao Willy,
    non sono un grande esperto di fotografia (si sa che la mia specialità sono le figuracce) ma la seconda foto è splendida... Colori giusti, equilibrio di punti di focus, quiete...

    La prima è bella, ma poco subdola... Si lascia poco all'interpretazione. E' come dire : "ecco un lampione". La seconda è più "Siediti e goditi il tramonto". Ha senso tutto questo?

    RispondiElimina
  10. Ciao Johnny10. Ottima interpretazione di entrambe le fotografie. Un ottimo punto di vista che non avevo considerato. Grazie :o)

    RispondiElimina

Aspettiamo con ansia il tuo prossimo commento!! Forza! :o)